Vai al contenuto

Le finanze vaticane hanno rischiato il default, a causa del crollo delle donazioni ma anche di operazioni finanziarie spericolate, della lievitazione incontrollata dei costi per il personale e dell’incapacità di valorizzare gli asset, a partire da quello immobiliare. E' quanto racconta Gianluigi Nuzzi nel suo nuovo libro Giudizio universale, edito da Chiarelettere, il quarto che il conduttore di Quarto Grado dedica agli affari più oscuri della Santa Sede. Tremila documenti inediti, quelli a cui ha avuto accesso Nuzzi, fotografano, oltre le mura leonine, una scenario inquietante, soprattutto da quando Papa Francesco ha deciso di scoperchiare il vaso di Pandora provando a cacciare i mercanti dal Tempio. E sono state proprio le indagini della task force istituita da Bergoglio a fare luce su ciò che non tornava nei conti e nei bilanci della Santa Sede. Un disastro che emerge in uno dei passaggi centrali del libro dove si fa riferimento a una drammatica riunione, risalente allo scorso anno e finora rimasta riservata, in cui 17 cardinali (tra cui il Segretario di Stato Pietro Parolin) dissero chiaramente che l’emorragia era talmente grave da mettere a rischio la tenuta delle finanze vaticane. Le voragini più significative, e in certi casi neanche quantificabili, oltre al crollo delle entrate - ad esempio quelle derivanti dai bonifici delle diocesi e dall’Obolo di San Pietro -, riguardano il Fondo pensioni e quello dell’assistenza sanitaria, ma anche milioni di euro persi a causa di investimenti poco oculati in titoli e azioni. ...continua a leggere "La Provvidenza non basta. Il Vaticano ha sfiorato il crac"

DOMENICO GIANINuovo colpo di scena in Vaticano. Dopo le rivelazioni sull'inchiesta riguardante alcune operazioni finanziarie e immobiliari sospette, che vede coinvolti 5 tra alti dirigenti e prelati, con perquisizioni e sequestri che hanno interessato gli uffici della Segreteria di Stato e dell’Aif, il capo della Gendarmeria vaticana, Domenico Giani, si è dimesso oggi dal suo incarico. "Lo scorso 2 ottobre - fa sapere la stessa Sala stampa vaticana confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore - alcuni organi di stampa hanno pubblicato una disposizione di servizio riservata, firmata dal Comandante del Corpo della Gendarmeria, dottor Domenico Giani, riguardante gli effetti di alcune limitazioni amministrative disposte nei confronti di personale della Santa Sede. Tale pubblicazione è altamente lesiva sia della dignità delle persone coinvolte, sia della stessa immagine della Gendarmeria". "Volendo garantire la giusta serenità per il proseguimento delle indagini coordinate dal Promotore di Giustizia ed eseguite da personale del Corpo - prosegue la Santa Sede - , non essendo emerso al momento l’autore materiale della divulgazione all’esterno della disposizione di servizio - riservata agli appartenenti al Corpo della Gendarmeria e della Guardia Svizzera Pontificia – il Comandante Giani, pur non avendo alcuna responsabilità soggettiva nella vicenda, ha rimesso il proprio mandato nelle mani del Santo Padre, in spirito di amore e fedeltà alla Chiesa ed al Successore di Pietro". ...continua a leggere "Vaticano, dopo la fuga di notizie su funzionari e prelati indagati si dimette il comandante della Gendarmeria"

Vaticano“Sono tentato e molto assediato”. Chissà se le parole pronunciate nei giorni scorsi da Papa Francesco, seguite da un esplicito invito a pregare per il Pontefice, hanno un legame con le nuove ombre che da alcuni giorni sono tornate ad addensarsi sulla Santa Sede. Perché, a quanto pare, Oltretevere sta prendendo forma un nuovo scandalo, anticipato nelle ultime ore da un intervento della magistratura vaticana – con perquisizioni e sequestri negli uffici della Segreteria di Stato, dello Ior e dell’Aif – e da un’esclusiva dell’Espresso che ha rivelato che tra le mura leonine c’è qualcosa che non torna dietro alcune operazioni finanziarie e immobiliari.
Pesanti sospetti, confermati, martedì, da una nota con cui la Sala stampa vaticana ha fatto sapere che i magistrati della Santa sede, Gian Piero Milano e Alessandro Diddi, hanno ordinato agli investigatori della Gendarmeria di perquisire e sequestrare documenti e computer negli uffici della Segreteria di Stato, guidata dal cardinale Pietro Parolin, dell’Autorità di Informazione Finanziaria (Aif) e dello Ior. Cosa c’è in quelle carte e nei supporti informatici requisiti non è ancora chiaro, ma di certo, ha anticipato l’Espresso, sappiamo che l’inchiesta riguarda operazioni finanziarie sospette e compravendite immobiliari milionarie a Londra. ...continua a leggere "Perquisizioni allo Ior e nella Segreteria di Stato. Il Vaticano sospende 5 tra alti dirigenti e prelati"

Emanuela OrlandiNuovo colpo di scena in Vaticano, spuntano due ossari. Dopo l’apertura delle due tombe nel Cimitero Teutonico, trovate vuote giovedì scorso, la Santa Sede ha svolto nuove indagini, “sia di carattere documentale che di carattere logistico”, per verificare la natura dei lavori di ristrutturazione effettuati in passato all’interno del Campo Santo tedesco finito al centro dei misteri del caso Orlandi. Le ispezioni, ha fatto sapere il portavoce della Sala stampa vaticana, Alessandro Gisotti, “hanno portato alla individuazione di due ossari”, all’interno del Pontificio Collegio Teutonico, che “sono stati immediatamente sigillati per il successivo esame e repertazione dei materiali ossei”.
“La ripresa delle attività peritali è stata fissata – informa ancora la Santa Sede – per sabato 20 luglio, alle ore 9”. In seguito alle attività istruttorie disposte dall’autorità giudiziaria vaticana – in particolare dopo l’esposto presentato a marzo dai familiari di Emanuela Orlandi, ai quali, un anno fa, un anonimo aveva detto di cercare proprio lì il corpo della 15enne scomparsa nell’83 – la Santa Sede, come era stato annunciato, ha svolto accertamenti “dai quali è emerso che, come risulta agli atti del Pontificio Collegio Teutonico, tra gli anni Sessanta e Settanta del secolo scorso sono stati effettuati lavori di ampliamento del Collegio stesso. In quel periodo i lavori hanno interessato l’intera aerea cimiteriale e l’edificio del Collegio Teutonico”. ...continua a leggere "Caso Orlandi, spuntano due ossari all’interno del Pontificio Collegio Teutonico"