Vai al contenuto

strasburgoGridava Allah Akbar, imbracciava un fucile automatico e mirava alla testa. E’ quello che si sa di Chérif Chekatt, il 29enne di origini nordafricane, nato e vissuto nel cuore dell’Europa, che martedì sera, prima di dileguarsi nel nulla, ha aperto il fuoco ai mercatini di Natale di Strasburgo uccidendo 3 persone (un turista thailandese, un francese e un turco) e ferendone altre 13. Tra loro un giornalista italiano che ora lotta tra la vita e la morte. Poi avrebbe preso un taxi e forse avrebbe lasciato il paese, diretto in Germania, senza passare per la sua abitazione, nel quartiere di Neudorf, vicino al centro di Strasburgo, dove solo poche ore prima la polizia lo aveva cercato, per l’ennesima volta, trovando al suo posto documenti, armi e munizioni. Chekatt era tutt’altro che sconosciuto alle autorità francesi, sia come criminale comune (è stato condannato 27 volte) sia come soggetto “radicalizzato”, cioè schedato con Fiche S, che nel gergo dell’antiterrorismo vuol dire pericoloso per la sicurezza nazionale. Il suo nome, fin dal 2016, era inserito nell’elenco Fsprt che scheda i soggetti radicalizzati e da tenere sotto stretta sorveglianza. Una scheggia impazzita che ha maturato odio per l’Occidente durante le detenzioni, molto prima di decidere di attaccare la Francia e l’Europa, portando a termine un’azione perfetta e meditata, nonostante il killer nella fuga sia rimasto ferito e sia più volte sfuggito per un soffio alla cattura. ...continua a leggere "Caccia all’uomo a Strasburgo. L’autore dell’attentato ai mercatini di Natale è ancora ricercato"

La vincita alle presidenziali brasiliane del candidato dell’estrema destra, Jair Bolsonaro, ha riacceso le speranze di ottenere l’estradizione dell’ex terrorista dei Proletari armati per il comunismo, Cesare Battisti. Ad attenderlo in italia, da dove fuggì nel 1981 evadendo dal carcere di Frosinone, c’è una condanna all’ergastolo per quattro omicidi che risalgono agli anni di piombo. Bolsonaro lo aveva promesso il 16 ottobre scorso, e questa mattina, suo figlio Eduardo, rispondendo a un tweet in cui Matteo Salvini si congratulava per l’elezione di suo padre, ha confermato l’intenzione affermando che “il regalo è in arrivo”. E quel regalo è proprio Battisti. “Riaffermo – aveva scritto il 16 ottobre Bolsonaro in un tweet in Italiano lanciato in piena campagna elettorale – il mio impegno di estradare il terrorista Cesare Battisti, amato dalla sinistra brasiliana, immediatamente in caso di vittoria alle elezioni. Mostreremo al mondo il nostro totale ripudio e impegno nella lotta al terrorismo. Il Brasile merita rispetto!”. Battisti, perciò, mai come ora, rischia l’estradizione e il carcere in Italia. Nell’ottobre dello scorso anno l’ex terrorista, apprezzato scrittore in Francia, era stato arrestato a Corumbà, nello stato di Mato Grosso del Sud, mentre tentava di attraversare il confine boliviano, ma tre giorni dopo era tornato in libertà. ...continua a leggere "L’Italia vuole l’ex terrorista Cesare Battisti in carcere prima possibile"

1

Raccolta e condivisione delle informazioni non classificate. Sarà questo il compito della nuova Nato Strategic Direction South inaugurata oggi nella base di Lago Patria, a Giugliano in provincia di Napoli. La Direzione Strategica per il Sud sarà l’avamposto dell’Alleanza Atlantica nella lotta al terrorismo e focalizzerà la sua attenzione in particolare su Libia, Siria, Iraq, Tunisia e Giordania e più in generale su tutto il Medio Oriente, il Nordafrica e l’Africa Subsahariana.
“L’Hub – ha spiegato nei giorni scorsi il comandante del Comando congiunto interforze della Nato a Napoli, l’ammiraglio Michelle Howard – si prefigge di mettere a disposizione della Nato un centro di raccolta e condivisione di informazioni che facilitino la comprensione dell’ambiente e permettano di prendere decisioni fondate su informazioni circostanziate in tempi rapidi. L’hub sarà un luogo fisico che persegue scopi di collaborazione e anche l’espressione di una nuova mentalità che poggia sulla condivisione delle informazioni. La comprensione di un’area così dinamica e complessa – ha aggiunto Howard – richiede adattamento costante. C’è un chiaro interesse su questa regione che va avanti da almeno un paio d’anni: abbiamo bisogno di un’unità che possa occuparsene, guardando a cosa succede in quest’area e dire ok, qui abbiamo l’opportunità di fare qualcosa o di impedire che qualcosa succeda”. ...continua a leggere "Che cosa farà la nuova Nato Strategic Direction South a Napoli"

Mentre le forze della coalizione guidata dagli Stati Uniti si apprestano a lanciare l’offensiva su al-Raqqa, la città siriana, roccaforte di Daesh, nei giorni scorsi una sola voce si è levata, quella di don Francesco Soddu, direttore di Caritas italiana, per ricordare che proprio lì, da quasi quattro anni, potrebbe trovarsi ancora prigioniero dell’Isis padre Paolo Dall’Oglio.
Del gesuita romano, rapito il 29 luglio 2013, nella terra che per anni lo aveva visto impegnato in difesa dei più deboli, non si sa più nulla da mesi. L’intelligence italiana non ha mai smesso di cercarlo, ma a quasi quattro anni di distanza di padre Dall’Oglio non si hanno notizie né certezze se sia ancora vivo.
Ad ottobre 2015, Rami Abdurrahman, direttore dell’Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus) aveva dichiarato al quotidiano Asharq al Awsat, citando la testimonianza di due ex miliziani dell’Isis, che il 63enne gesuita era stato visto due mesi prima a Raqqa, confermando le parole di monsignor Louis Raphael I Sako, patriarca dei Caldei, che allo stesso modo aveva lasciato intendere che Dall’Oglio fosse ancora vivo ma in mano a Daesh. ...continua a leggere "Il punto sulla vicenda di padre Paolo Dall’Oglio"