Vai al contenuto

Il bed and breakfast «La margherita» di Saletta, una delle frazioni di Amatrice maggiormente colpite dal terremoto, la notte del 24 agosto 2016 crollò, causando la morte di tre ospiti, perché oltre dieci anni prima fu ristrutturato senza rispettare le norme antisismiche. Sono arrivati a questa conclusione, dopo due anni di accertamenti, i carabinieri del nucleo investigativo del reparto operativo di Rieti che ieri hanno notificato a 8 persone un avviso di conclusione delle indagini, atto che solitamente precede la richiesta di rinvio a giudizio. A perdere la vita nel crollo furono una coppia di fidanzati di Roma, Federica Corsaro e Riccardo Annucci di 30 e 40 anni, e la madre di quest’ultimo, Anna Rosa Russo. L’inchiesta, condotta dai pm Luana Bennetti e Rocco Gustavo Maruotti, ha individuato responsabilità a carico del progettista degli interventi di ristrutturazione compiuti tra il 2003 e il 2008, il geometra Stefano Petrucci, attuale sindaco di Accumoli, dei tecnici del Genio civile, Maurizio Cuomo, Ivo Serpietri e Giovanni Conti, che valutarono e autorizzarono i lavori insieme al tecnico del Comune di Amatrice Virna Chiaretti, del titolare dell’impresa costruttrice, Giorgio Clementi, e dei titolari del b&b, Stefania Nobile e Antonio Petrucci. Tutti dovranno rispondere dei reati di omicidio colposo e disastro colposo. ...continua a leggere "Chiusa l’inchiesta per il crollo di un b&b di Amatrice, 8 indagati"

Sarà un processo, iniziato ieri davanti a un giudice monocratico del tribunale di Rieti, a stabilire se a causare la morte di un’intera famiglia (madre, padre e due bambini piccoli) fu il terremoto che il 24 agosto 2016 colpì Accumoli e Amatrice, nel Reatino o, come sostiene l’accusa, fu l’incuria dell’uomo. La storia è quella della famiglia Tuccio, sterminata, ad Accumoli, dal crollo della torre campanaria della chiesa dei Santi Pietro e Lorenzo. L’inchiesta, condotta dai pm Lorenzo Francia e Rocco Gustavo Maruotti della Procura di Rieti, ha concluso che la morte di Andrea Tuccio e di sua moglie Graziella Torroni, entrambi 34enni, e dei loro bambini, Stefano di 8 anni e Riccardo di appena 9 mesi, poteva essere evitata, individuando responsabilità a carico di sette tra tecnici e amministratori. La vela crollò in un istante con la scossa delle 3.36, del terremoto che ad Accumoli ebbe il suo epicentro. Come un meteorite, piombò violentemente sul tetto dell’adiacente edificio comunale sfondando, in caduta, prima la copertura della casa canonica e poi due solai dell’abitazione dove abitava in affitto la famiglia Tuccio. «Andrea e Graziella, insieme ai suoi due bambini, non ebbero scampo e quella notte non dovevano essere lì», come ripetono da due anni i loro familiari, oggi parte civile nel processo, perché l’antica torre campanaria era stata già danneggiata da due precedenti terremoti, quello della Valnerina del 1979 e quello de L’Aquila del 2009 e, soprattutto, perché non era mai stata messa seriamente in sicurezza dalla Curia di Rieti. ...continua a leggere "Campanile di Accumoli, via al processo. «Quelle morti potevano essere evitate»"

È cominciato oggi, in una gremita aula del Tribunale di Rieti, il primo processo per il sisma di Accumoli e Amatrice del 24 agosto 2016. La prima inchiesta penale che è approdata davanti a un giudice, di quelle avviate e concluse dal pool di inquirenti della Procura di Rieti, riguarda i crolli delle case popolari di Piazza Augusto Sagnotti, ad Amatrice. Il giudice monocratico Carlo Sabatini dovrà dare una risposta ai familiari di 18 vittime, e cioè se fu il terremoto o l'uomo a causare quelle morti. Gli imputati sono 5, chiamati a rispondere di omicidio colposo plurimo, crollo colposo, disastro e lesioni. Si tratta dell'allora direttore tecnico della So.Ge.Ap, l'impresa appaltatrice che costruì le palazzine, Ottaviano Boni, e dell'allora amministratore unico della stessa impresa, Luigi Serafini. Imputati anche il presidente pro-tempore dell'Istituto autonomo case popolari (Iacp), Franco Aleandri, il geometra della Regione-Genio Civile, Maurizio Scacchi, e l'allora assessore del Comune di Amatrice, Corrado Tilesi. In qualità di responsabili civili sono stati chiamati in causa, e ammessi al dibattimento, anche due enti, la Regione Lazio (per Genio civile e Ater) e il Comune di Amatrice. I due edifici, secondo le conclusioni dell'inchiesta condotta dai pm Rocco Gustavo Maruotti e Lorenzo Francia, non avrebbero retto un terremoto, anche se la scossa fosse stata inferiore a magnitudo 6.0. ...continua a leggere "Al via il processo per i crolli delle case popolari di Amatrice"

La Procura di Rieti dovrà fare luce sul crollo di una palazzina di Amatrice che si trovava al civico 73 di corso Umberto I e dove, la notte del terremoto del 24 agosto 2016, morirono una giovane coppia e i loro due bambini. A chiedere l’apertura di un’inchiesta, tramite il suo legale, è stata Assuntina Cicconi, la madre di Federico Ianni, il 41enne amatriciano che quella notte perse la vita sotto le macerie della sua casa insieme alla moglie, Beatrice Micozzi di 32, e ai suoi due figli, Ivan di 3 anni e Vera Lu di soli 5 mesi. Assuntina viveva a poca distanza da suo figlio Federico, era al civico 1 di piazza Augusto Sagnotti, nell’edificio, ex Ina Casa, crollato insieme alle altre due palazzine ex Iacp: un luogo dove la morte ha lasciato un segno profondo con un bilancio complessivo di 25 vittime. Quella notte era anche lei ad Amatrice e il destino ha voluto che fosse lei a salvarsi e non il suo unico figlio, sua nuora e i suoi due nipotini. Assuntina è, infatti, uno dei pochi sopravvissuti di piazza Sagnotti. Il suo appartamento era al primo piano e quando la palazzina è venuta giù, portandosi via le vite di altri 7 inquilini, lei è rimasta sepolta dalle macerie, ferita ma viva. Dopo diverse ore i vigili del fuoco sono riusciti a metterla in salvo e nell’istante in cui ha rivisto la luce ha saputo che per suo figlio Federico e il resto della sua famiglia non c’era più nulla da fare. ...continua a leggere "Famiglia morì nel sisma: al via ulteriore inchiesta sul crollo della casa di Amatrice"