Vai al contenuto

Goffredo BucciniNelle periferie c’è rabbia e paura. Un terreno fertile per chi intende fomentare il disagio con risposte semplici. E le proteste di Casal Bruciato “sono figlie della stanchezza della gente che vive lì. Persone sfiancate dalla povertà e dall’attesa di risposte”. Goffredo Buccini, giornalista del Corriere, autore di un libro dedicato alle periferie (Ghetti edito da Solferino) non ha dubbi: il gesto della sindaca Raggi, di recarsi dalla famiglia rom, è stato sacrosanto, ma lì, nei ghetti, dove la mano pubblica ha perso da decenni, servono muscoli e la sponda dello Stato.
Come mai fa così notizia un politico che si reca in periferia?
“Il gesto della Raggi è stato sacrosanto. Mi è tornato in mente Ignazio Marino al tempo dei tafferugli di Tor Sapienza, anche lui ebbe una contestazione violentissima. E’ complicato affrontare il tema in modo non banale. Casapound lo semplifica per connettersi alla rabbia, e la rabbia non ammette complessità. La vicenda della famiglia rom non può non essere affrontata nella sua complessità, perché attiene alla stanchezza della gente che vive lì. Non sono tutti nazisti. Sono persone sfiancate, basti pensare che per ottenere un alloggio popolare possono passare anche 25 anni”. ...continua a leggere "Parla Buccini, autore di Ghetti: “A Casal Bruciato gente sfiancata in attesa di risposte”"

Pietro Forno“Non ho parole. Davvero non lo hanno arrestato? Hanno dato la notizia prima di andarlo a prendere, mi sembra il minimo che potesse accadere”. Pietro Forno, il giudice istruttore che negli anni di piombo chiuse il cerchio attorno ai Proletari armati per il comunismo (Pac), non sembra meravigliato dell’ennesima fuga di Cesare Battisti. Fu lui a farlo condannare all’ergastolo per aver assassinato, tra il 1978 e il 1979, quattro persone: una guardia carceraria di Udine, un gioielliere milanese, un macellaio di Mestre e un agente della Digos di Milano. Una condanna mai scontata, perché Battisti nel 1981 evase dal carcere di Frosinone e lasciò l’Italia. Da allora sono passati trentasette anni.
Procuratore è sorpreso che Battisti sia sfuggito di nuovo alla cattura?
“Assolutamente no. Quando fu arrestato alla frontiera con la Bolivia (nel 2017, ndr) dissi che per uno come Battisti non c’è il pericolo di fuga, bensì c’è la certezza della fuga. E’ di palmare evidenza che questa persona, nel momento in cui non è più protetta dal potere politico, scappa e trova un altro rifugio”.
E’ una sua capacità o ha ancora una solida rete di connivenze?
“Battisti è uno specialista. Direi che una persona più esperta di lui in evasioni e latitanze è difficile trovarla al mondo”. ...continua a leggere "La latitanza di Battisti favorita da Parigi. Difficile catturarlo in Brasile. Parla il magistrato che fece condannare l’ex Pac"

“La soluzione contenuta nell’emendamento sulla prescrizione, è una soluzione che condivido, che peraltro ci allineerebbe ad altri ordinamenti europei. E come me molti colleghi”. Il gip di Palermo, Piergiorgio Morosini, consigliere togato uscente del Csm, da sempre in prima linea nella lotta alla mafia e gup nel processo sulla trattativa Stato-Mafia, non ha dubbi. “Quando al Csm ci occupammo del parere per la riforma Orlando del processo penale, che non prevedeva questo tipo di soluzione, formulammo una proposta alternativa che era molto simile a quella avanzata ora dal M5S. Tuttavia, dovrebbe essere affiancata da altre norme che in qualche modo garantiscano una durata ragionevole dell’Appello e della Cassazione”.
Quali sono a suo avviso le debolezze del provvedimento M5S sulla prescrizione?
“C’è un primo punto di vista, che è quello adottato dall’emendamento, che mira a rendere il processo efficiente, cioè fatto per accertare dei reati, per ascrivere delle responsabilità e per irrogare delle sanzioni. Una disciplina della prescrizione con tempi troppo contenuti può pregiudicare questa forte esigenza dello Stato. I cittadini delegano l’esercizio della forza proprio per non farsi giustizia da soli. Il fatto di avere un processo che porta, alla fine, a una decisione nel merito è un’esigenza forte”. ...continua a leggere "Bene lo stop M5S alla prescrizione. Parla il gip Morosini: “Norma in linea con altri Paesi Ue”"

“Non c’è nessuna relazione tra le eventuali percosse e la morte di Cucchi. Lo dicono le perizie dei più grandi luminari italiani”. Nonostante la clamorosa svolta al processo per la morte di Stefano Cucchi, l’ex senatore Carlo Giovanardi, continua a dubitare che quelle percosse ci siano davvero state. “E-v-e-n-t-u-a-l-i…”, scandisce ad alta voce l’ex ministro, ed ex parlamentare di lungo corso, passato nell’arco di ventisei anni dai banchi della Dc a quelli del Ncd di Alfano. Insomma, Giovanardi proprio non riesce ad arrendersi, anche di fronte all’evidenza dei fatti. Fu lui, del resto, a definire Cucchi un “tossico”, uno “spacciatore abituato alle botte”, un “anoressico”. Senza dimenticare la perla più celebre: “I medici dovevano obbligarlo a mangiare”. L’orologio di Giovanardi è ancora fermo al primo processo – quello a carico dei medici del Pertini e degli agenti della Penitenziaria – quando nulla si sapeva del coinvolgimento diretto dei cinque carabinieri che quella notte si occuparono del trentenne romano e che oggi sono sotto processo. Non c’è svolta che tenga per il granitico ex senatore, come quando tentò di sostenere che il Dc9 Itavia precipitato al largo di Ustica il 27 giugno 1980 non fu abbattuto da un missile – come sostengono le conclusioni della monumentale istruttoria del giudice Rosario Priore e diverse sentenze di condanna in sede civile – bensì da una bomba collocata nella toilette di bordo che verosimilmente scoppiò in volo, nonostante l’aereo avesse accumulato, prima del decollo da Bologna, due ore di ritardo. Un attentato che, tra l’altro, nessuno ha mai rivendicato. ...continua a leggere "Giovanardi non si arrende. Le botte a Cucchi? Tutte da dimostrare"