Vai al contenuto

InpsCosa sia davvero accaduto lo accerteranno gli investigatori del Cnaipic, gli specialisti anti hacker del Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche della Polizia di Stato. Ma di certo, quella di ieri, sarà ricordata come una delle giornate peggiori per l’Inps. Doveva essere il click day per ottenere il bonus da 600 euro previsto dal decreto Cura Italia e destinato ai lavoratori autonomi e, invece, si è trasformato, soprattutto per gli utenti, in un vero e proprio incubo.
Il sito dell’Istituto di previdenza è andato in tilt – anzi “giù” come dicono i tecnici – forse a causa di un eccessivo numero di richieste, ma, oltre a questa circostanza, fisiologica, c’è anche il fondato sospetto che i server dell’Inps abbiano subito un pesante attacco hacker. A spiegarlo è stato il numero uno dell’Istituto, Pasquale Tridico, che, al termine di una giornata infernale, ha detto a Rainews24 che il portale, rimasto irraggiungibile per ore e ripristinato solo in parte dopo le 17 di ieri, è andato in tilt per le troppe domande arrivate, in poco tempo, e per una “intromissione esterna di sciacallaggio”. Il presidente dell’Inps, tuttavia, assicura che “i sistemi informatici hanno retto e continuano a reggere. Sono sicuri”. ...continua a leggere "Non bastava il Coronavirus, ora dilaga pure l’epidemia cibernetica. Sotto attacco il sito dell’Inps"

coronavirusTwitter e Facebook mettono al bando fake news, teorie ascientifiche e complottiste e falsi rimedi contro il Coronavirus. Tutti i post contrari alle linee guida offerte dalle fonti autorevoli in tema di salute pubblica (qui il flusso in diretta con una selezione di fonti ufficiali), in particolare dall'Oms, saranno bannati. In un post, Twitter ha elencato i contenuti che eliminerà dalla piattaforma, dando priorità a quelli potenzialmente più dannosi. In particolare cancellerà i tweet che vanno contro le raccomandazioni delle autorità sanitarie per evitare il contagio da Covid-19 incentivando comportamenti rischiosi, sostenendo ad esempio che la distanza di sicurezza è inutile.
Al bando anche i tweet che descrivono misure protettive, farmaci, trattamenti inefficaci e ascientifici, che negano, perciò, fatti scientifici accertati o sostengono teorie complottiste, ad esempio che il virus sia stato creato in laboratorio per danneggiare le borse o per far guadagnare chi vende disinfettanti, vaccini e altri farmaci. Nelle scorse settimane, ad esempio (leggi l'articolo) è stata diffusa la falsa notizia di misteriosi movimenti di mezzi e militari Usa in Italia (smentita anche dal ministro Guerini), in realtà impegnati in un'esercitazione programmata da mesi, oppure che la nuova tecnologia 5G, indebolendo il sistema immunitario, favorisca il contagio. ...continua a leggere "Twitter e Facebook mettono al bando fake news e teorie complottiste sul Coronavirus"

Guardia svizzeraI familiari di Cédric Tornay, il vicecaporale della Guardia svizzera, accusato del duplice omicidio commesso il 4 maggio 1998 che causò la morte del comandante dello stesso corpo del Vaticano, Alois Estermann e della moglie, Gladys Meza Romero, hanno chiesto ai magistrati della Santa Sede di riaprire le indagini sul caso. L’istanza per l’accesso al fascicolo integrale è stata depositata dall’avvocato Laura Sgrò (lo stesso legale che assiste i familiari di Emanuela Orlandi), rilevando numerose “criticità” nella ricostruzione dei fatti. “Abbiamo fatto richiesta di accedere al fascicolo integrale – ha detto all’Ansa il legale -, è nel pieno diritto della signora Muguette Baudat, madre di Tornay. E’ evidente che la richiesta di riapertura delle indagini, che si basa sulla presentazione di nuove prove, non può prescindere da un attento studio degli atti e della comparazione di essi con il nuovo materiale raccolto e con lo studio degli atti anche da parte dei nostri consulenti. Non appena avremo contezza del fascicolo integrale – ha concluso l’avvocato Sgrò – completeremo la nomina dei nostri consulenti”. La ricostruzione del duplice delitto, che si consumò all’interno delle mura leonine, venne contestata dalla madre dell’assassino fin da subito.
Molti sospetti, anche i merito alla rapidità con cui le autorità vaticane indagarono e chiusero il caso, emersero tra le pagine di un libro-inchiesta, Bugie di sangue in vaticano, pubblicato da Kaos e firmato “Discepoli di verità”, un gruppo di ecclesiastici e laici. Secondo la ricostruzione fornita all’epoca dei fatti dalla stessa Santa Sede, Tornay, in preda a un raptus di follia, prima avrebbe ucciso i coniugi Estermann a colpi di pistola e poi si sarebbe suicidato.
Nel novembre 2011 il legale della madre di Tornay aveva già inviato una lettera aperta a Papa Benedetto XVI per ribadire la richiesta, sinora mai accolta, di accedere al fascicolo relativo all’inchiesta sul duplice omicidio. Anche in quel caso la madre del vicecaporale aveva messo in dubbio la versione ufficiale.

di Fabrizio Colarieti per La Notizia [link originale]

Pinelli Calabresi“Il tempo non sempre passa invano e l’impossibile diventa possibile. E ogni volta mi commuove”. Con queste parole, Mario Calabresi, giornalista, ex direttore di Repubblica e figlio del commissario Luigi Calabresi, assassinato nel 1972, ha mostrato su Instagram e Facebook la foto dell’incontro tra la madre Gemma e la moglie dell’anarchico Giuseppe Pinelli, Licia. Le due vedove si sono riviste oggi, a Palazzo Marino, a Milano, in occasione dell’anniversario della strage di Piazza Fontana, di cui ricorrono i 50 anni. L’incontro, impresso in una foto molto significativa, è avvenuto alla presenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella che si è soffermato a parlare con le due vedove. “Nel momento in cui facciamo memoria delle vittime di piazza Fontana e, con loro di Giuseppe Pinelli, del Commissario Luigi Calabresi – ha detto poi Mattarella -, sappiamo di dover chiamare le espressioni politiche e sociali del Paese, gli uomini di cultura, l’intera società civile, a un impegno comune: scongiurare che si possano rinnovare in Italia le fratture terribili in cui si inserirono criminalmente quei fatti”. Le due donne si erano strette la mano, per la prima volta nel 2009, davanti all’allora presidente Giorgio Napolitano, in occasione del quarantennale della strage. ...continua a leggere "Piazza Fontana, a Milano l’incontro tra le vedove Pinelli e Calabresi"