Vai al contenuto

La polizia consegna la droga. Così scova i grandi trafficanti

A portare la droga è la polizia. Non è un favore, né un caso di malaffare, ma il primo tentativo riuscito di assecondare le grandi organizzazioni internazionali per scoprirne mandanti e pedine. L’operazione si è appena conclusa in Olanda, dove i nostri agenti coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia e antiterrorismo di Genova hanno recapitato una partita di droga, individuando così due importanti trafficanti turchi. La droga (270 chilogrammi di eroina), nel corso della prima fase dell’operazione, era stata sequestrata dagli investigatori della Squadra mobile di Genova e del Servizio centrale operativo di Roma, in collaborazione con l’Agenzia delle Dogane, nel porto del capoluogo ligure dove il carico era sbarcato da una nave proveniente dall’Iran. La nave, “Artabaz”, era partita dal porto iraniano di Bandar Abbas alla volta della Turchia e dell'Europa, dopo aver toccato i porti di Amburgo e Valencia, era giunta a Genova. Esaminando le polizze di carico, il contenuto di 3 dei 31 container sbarcati aveva attirato l’attenzione degli ispettori dell’Agenzia delle Dogane. I container trasportavano bentonite, ovvero un minerale argilloso in polvere, destinata a una ditta con sede nella Repubblica Ceca. Il carico di droga era in uno di questi container. A questo punto, d'intesa con la Dda di Genova, la Polizia ha lasciato una parte dell’eroina nel container installando al suo interno un rilevatore satellitare. Una volta avviato il monitoraggio del carico per la prima volta in Italia è stata autorizza dall’autorità giudiziaria una consegna controllata transnazionale, con l’emissione di un ordine di indagine europeo che prevede il coordinamento del Servizio di cooperazione internazionale di polizia e di Eurojust e la condivisione delle informazioni con tutti gli stati potenzialmente interessati per evitare controlli inconsapevoli. Il container è stato quindi caricato su un tir e pedinato lungo il tragitto lungo Svizzera, Francia, Belgio e, infine, l’Olanda.
Dopo un viaggio di tre giorni, il 2 novembre, il tir è giunto in un magazzino di Roosendal, dove la Polizia olandese insieme a quella italiana, ha fatto irruzione arrestando due cittadini turchi. L’indagine, coordinata dal capo dello Sco, Alessandro Giuliano, conferma che i porti italiani, come quelli iraniani, sono il crocevia dei traffici internazionali di droga destinati al resto d’Europa. “L’Iran - ha spiegato il colonnello Sandro Baldassarre della Direzione centrale del servizio antidroga, illustrando i particolari dell’indagine - si conferma dunque un crocevia fondamentale per il traffico di eroina. Droga di cui vediamo un ritorno importante nel mercato. Questa operazione è fondamentale: per il quantitativo sequestrato e per la tecnica investigativa usata”. E' il primo caso e sicuramente farà scuola. Un’operazione nuova che non ha precedenti negli ultimi 30 anni, ha sottolineato il direttore dello Sco Giuliano.

di Fabrizio Colarieti per La Notizia [link originale]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.