La spada di Damocle della tassa di successione sulle macerie, la burocrazia asfissiante, la ricostruzione ferma, le macerie che invadono ancora strade e borghi, la carenza di personale e il mancato rimborso ai risparmiatori del cratere traditi dalle 'banche fallite'. C'è tutto questo nella lista delle cose da fare presto che il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi, consegnerà al premier Paolo Gentiloni in un incontro che dovrebbe tenersi questa settimana a Palazzo Chigi. Pirozzi affida ad una lunga nota il suo ultimatum alle istituzioni ricordando che lì, nel comune reatino devastato dal sisma della scorsa estate, "non c'è più un Paese". Per il sindaco della città rasa al suolo dal terremoto, parlando della tassa di successione, è impensabile "che si debba pagare su un bene frutto dei sacrifici di intere famiglie e che oggi, peraltro, non esiste più". "Penso ai tanti orfani - scrive Pirozzi - che saranno costretti a sborsare denaro per qualcosa che proviene loro dai genitori, dai nonni, dagli avi. Oggi quelle proprietà sono macerie, e oltre ai lutti, al dolore, alle tante difficoltà, queste persone si troveranno di fronte anche questo scoglio. È qualcosa di profondamente ingiusto e per questo abbiamo emanato una delibera per chiedere, insieme ad altri interventi urgenti ed essenziali, che la tassa sia abolita". Ma a preoccupare il sindaco di Amatrice non è solo l'inciampo della tassa di successione, ci sono anche "lacci e lacciuoli" che frenano la ricostruzione. ...continua a leggere "L’ira del sindaco di Amatrice, risposte o riconsegno le chiavi della città"

Il premier canadese, Justin Trudeau, sceglie il giorno del suo anniversario di matrimonio per visitare Amatrice. L'aveva promesso al sindaco Sergio Pirozzi, volato in Canada nelle scorse settimane insieme a Sergio Marchionne, che in occasione del G7 di Taormina avrebbe visitato anche il comune reatino colpito dal sisma della scorsa estate. Una visita ricambiata, nel segno di una rafforzata amicizia tra Italia e Canada, utile anche a ufficializzare una donazione al Comune di Amatrice di 2 milioni di dollari canadesi, da parte dello stesso governo di Ottawa, e di altrettanti da parte della comunità Italo-canadese. Una somma pari a circa 2,6 milioni di euro che il sindaco Pirozzi vorrebbe utilizzare prima possibile per ricostruire la sede del Municipio, interamente crollata con la scossa delle 3:36 del 24 agosto. "Sono qui per dimostrare l'amicizia con il popolo italiano. La comunità italo-canadese, ma tutta la popolazione canadese, è stata molto colpita da quanto successo qui e vogliamo esprimere vicinanza", ha detto Trudeau mentre attraversava, a piedi, la zona rossa di Amatrice accompagnato dal ministro degli Esteri Angelino Alfano, dal capo della Protezione civile Fabrizio Curcio e dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. Una lunga camminata, tra due ali di macerie, interrotta più volte da Trudeau, molto colpito dagli effetti del terremoto ancora ben visibili lungo ciò che rimane del Corso. ...continua a leggere "Trudeau tra le macerie di Amatrice"

"Faremo qualcosa per Amatrice". Con questa promessa, pronunciata stringendo la mano al sindaco Sergio Pirozzi, il principe Carlo ha concluso la sua visita ad Amatrice, il comune del centro Italia più colpito dal terremoto della scorsa estate. Il reale inglese era arrivato in elicottero sotto i monti della Laga alle 11 in punto, con ben un'ora d'anticipo rispetto al programma che era stato annunciato. Una visita curata in ogni dettaglio che ha permesso al principe di Galles di immergersi subito tra le macerie della zona rossa, accompagnato dal capo della Protezione civile, Fabrizio Curcio, ma non dal sindaco Pirozzi, che lo ha lasciato all'inizio di ciò che rimane di Corso Umberto I: "Perché ho bisogno di guardare al futuro - ha spiegato - e perciò tornerò in centro storico solo quando sarà ricostruito". Da lì, indossando un casco, ha raggiunto a piedi la torre civica con l'orologio fermo alle 3.36, uno dei pochi simboli risparmiati dalle scosse del 24 agosto e del 30 ottobre dello scorso anno. Il principe ha poi raggiunto a piedi il Centro operativo intercomunale, cuore nevralgico delle forze che operano nel cratere di Amatrice, dove ha incontrato militari, volontari e operatori della Protezione civile impegnati nella gestione dell'emergenza e della ricostruzione. ...continua a leggere "Carlo tra le macerie ad Amatrice, faremo qualcosa per voi"

A quasi 7 mesi dal sisma che ha sconvolto il centro Italia, sono state consegnate, ad Amatrice, le prime 25 soluzioni abitative di emergenza (Sae) ad altrettante famiglie sfollate dalla notte del terremoto della scorsa estate. Sono le prime 'casette' che il Consorzio nazionale servizi (Cns) ha consegnato nel comune reatino maggiormente colpito dal sisma di agosto. Ne mancano altre 424 che sono in corso di allestimento in 31 diverse aree del comune di Amatrice. Il piccolo villaggio, composto da 19 alloggi da 40 metri quadrati, 5 da 60 e 1 da 80, completamente arredati, è stato allestito all'ex campo Lazio, il primo che ospitò le tende della Protezione civile della Regione Lazio all'indomani della scossa delle 3:36.
"Oggi - ha detto il sindaco di Amatrice, Sergio Pirozzi prima di consegnare le chiavi degli alloggi - è una delle tante tappe, la prima è stata il ponte della rinascita, poi la scuola provvisoria, poi il liceo e ora, con la consegna delle prime case, è la quarta tappa di questo percorso. Ogni risultato che si ottiene è frutto del lavoro dell'uomo, di tanti uomini. Ringrazio gli uomini, anche chi oggi non c'è più". La cerimonia di consegna, tuttavia, è stata più volte interrotta da alcuni amatriciani che protestavano per il tempo trascorso, quasi 7 mesi, per veder nascere il primo insediamento di emergenza. ...continua a leggere "Consegnate le prime 25 casette agli sfollati di Amatrice"