Amatrice, la scuola realizzata in tempi da record

Scuola AmatriceIl presidente della Provincia autonoma di Trento, Ugo Rossi, con un pizzico d'orgoglio, l'ha definita la scuola dei record. Perché, innanzitutto, per metterla in piedi, i tecnici e le squadre del Dipartimento trentino della Protezione civile hanno impiegato 11 giorni, anzi, 11 giorni e altrettante notti, come ha spiegato uno dei volontari che hanno lavorato al progetto. Il nome della nuova scuola è sempre lo stesso, si chiama Romolo Capranica, come quella di Amatrice, in gran parte crollata con la scossa delle 3.36 del 24 agosto scorso. La nuova struttura provvisoria si trova nella frazione di Villa San Cipriano, a poco più di due chilometri dal vecchio edificio scolastico, dove fino al 29 agosto scorso c'era un prato. E' composta da 24 moduli prefabbricati, per una superficie complessiva di 420 metri quadrati dove trovano spazio 2 aule per la scuola dell'infanzia, 5 per le elementari, 3 per le medie, 1 sala insegnanti e due moduli per i servizi igienici anche per gli alunni diversamente abili. Per realizzarla, a tempo di record, è stato compiuto uno scavo di 320 metri cubi depositandone altri 300 di ghiaione e 310 di calcestruzzo. Le armature sono state realizzate impiegando 8.600 chilogrammi di acciaio. Per costruirla, e dotarla di ogni confort, ci sono volute 16.900 ore di lavoro e 148 tra tecnici e operai. La seconda fase, già avviata, vedrà la costruzione del secondo gruppo di moduli, sempre 24, con 5 aule per una superficie di altri 400 metri quadrati, che dovranno ospitare la scuola secondaria di secondo grado, cioè gli alunni iscritti al liceo scientifico, ma anche una biblioteca e sala insegnanti, una segreteria e altri servizi igienici. Il nuovo polo didattico di Amatrice, guidato dalla dirigente Maria Rita Pitoni, da oggi ospita 177 alunni e 52 docenti.

di Fabrizio Colarieti per Ansa [link originale]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *