Il Churchill Archives svela nuovi documenti dell’archivio Mitrokhin

Vasili MitrokhinA ventidue anni dall'esfiltrazione, da parte del Servizio segreto britannico, dei documenti appartenenti al famoso archivio dell'ex agente del Kgb, Vasili Mitrokhin - descritti dal FBI come "l'intelligence più completa ed estesa mai ricevuta da qualsiasi fonte" -  il Churchill Archives Centre dell’Università di Cambridge ha deciso di aprire per la prima volta al pubblico i suoi archivi.
Dal 1972 al 1984 il maggiore Mitrokhin, anziano archivista dell'intelligence estera russa, ebbe accesso illimitato a migliaia di file riguardanti le operazioni di raccolta di informazioni condotte dalla rete di spie del Kgb in tutto il mondo. Mitrokhin, contrario alla brutale oppressione del regime sovietico, si dedicò a lungo a trascrivere i documenti segreti con l'obiettivo di renderli noti. Nel 1992, dopo il crollo dell'Unione Sovietica, lui, la sua famiglia e il suo archivio furono esfiltrati dal Secret Intelligence Service del Regno Unito.
«Ci sono solo due posti nel mondo dove troverete materiale come questo. Uno è l'archivio del Kgb - che non è aperto e dove è molto difficile entrare - e l'altro è qui al Churchill College dove è possibile prendere visione dei dattiloscritti di Mitrokhin», ha spiegato il professor Christopher Andrew, l'unico storico, autore di due bestseller sull'archivio Mitrokhin, a cui finora era consentito l'accesso al fondo.
«Mitrokhin ha sognato di rendere pubblico tale materiale dal 1972 fino alla sua morte - ha aggiunto Andrew - e tutto questo sta accadendo nel 2014. Il funzionamento interno del Kgb, le sue operazioni di intelligence all'estero e la politica estera sovietica si collocano all'interno di questa straordinaria collezione. L'archivio dà una visibilità senza precedenti alla portata e alla natura delle attività del Kgb in gran parte della Guerra Fredda».
In conformità con il contratto di deposito, il Churchill Archives Centre sta aprendo le versioni in lingua russa dell'archivio. Tra le 19 scatole e le migliaia di pubblicazioni ci sono note del Kgb riguardanti Papa Giovanni Paolo II, le cui attività in Polonia erano attentamente monitorate prima della sua elezione al papato. Ma anche mappe e dettagli dei segreti russi, riferimenti sui nascondigli di armi e ricetrasmettenti in tutta l'Europa occidentale, Italia compresa, e negli Stati Uniti, e file su Melita Norwood, "La spia che venne dalla Co-op".
Norwood, nome in codice Hola, era il più longevo agente britannico del Kgb, che per quattro decenni passò all'intelligence sovietica informazioni classificate sulla ricerca scientifica nucleare dal suo ufficio di Londra del British Non Ferrous Metals Research Association in Euston.
Fra i documenti riemersi dall'archivio Mitrokhin, c'è anche una mappa di Roma e della sua periferia, in cui sono segnati quelli che appaiono come tre depositi di armi attorno alla capitale. Sono identificati coi nomi in codice di KolloFosso e Bor. Secondo Andrew, questi e altri nascondigli vennero creati nel corso della Guerra Fredda nell'ambito di un'operazione su vasta scala che copriva la maggior parte dei Paesi della Nato. «Dopo tutto questo tempo è probabile che le armi non siano più utilizzabili», ha aggiunto lo storico.
L'archivista scomparso nel 2004 nei suoi appunti parla anche di un deposito di armi a Berna in Svizzera, localizzato in campagna, vicino a una cappella. Un'altra nota spiega come disinnescare le trappole esplosive collegate alle casse di armi. Dai faldoni emergono anche particolari ironici sulle spie al servizio di Mosca, come il fatto che fossero perennemente ubriache e questo ne limitava molto la capacità operativa.
«I file Mitrokhin variano nel tempo dal periodo immediatamente successivo alla Rivoluzione bolscevica del 1917 alla vigilia dell'era Gorbaciov», ha spiegato ancora Andrew. «Inizialmente trascriveva le sue note giornaliere su piccoli pezzi di carta nascosti nelle sue scarpe. Dopo pochi mesi, ha cominciato a portarli fuori nelle tasche della giacca e ogni fine settimana li seppelliva nella dacia di famiglia nelle campagne vicino Mosca».
Mitrokhin, nato nel 1922, iniziò a lavorato per l'intelligence russa a partire dal 1948. Dal 1972 al 1982 è stato responsabile del trasferimento degli archivi del Kgb, di cui era capo sezione, dalla Lubjanka, nel centro di Mosca, in un nuovo quartier generale dell'intelligence estera a Yasenevo.
Nel 1984, dopo il suo pensionamento, Mitrokhin ha organizzato in dieci volumi i documenti che aveva trafugato e dopo la sua esfiltrazione a Londra ha continuato a lavorare al suo archivio producendo note, analisi e ulteriore 26 volumi tipizzati.
Allen Packwood, direttore del Churchill Archives Centre, parlando del fondo Mitrokhin, ha dichiarato: «Questa collezione è un meraviglioso esempio del valore degli archivi e della potenza degli archivisti. La posizione di archivista ha permesso a Mitrokhin di avere un accesso senza precedenti ad una vasta panoramica di file del Kgb. E' stato il suo impegno per la conservazione e l'accesso alla verità che lo ha portato a copiare i documenti con enormi rischi. Siamo quindi orgogliosi di ospitare le sue carte e di onorare il suo desiderio di renderle liberamente disponibili per la ricerca».

di Fabrizio Colarieti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *